Non pagare le sanzioni! Rottama le tue cartelle Equitalia

 Hai ancora alcuni giorni per la rottamazione delle cartelle esattoriali e per liberarti dei debiti che hai con Equitalia o con Riscossione Sicilia S.p.a.

Andrà valutata la convenienza dell’adesione al condono relativo alla rottamazione 2017 e per fare ciò il nostro studio legale mette a tua disposizione i propri esperti tributari per la presentazione delle istanze di rottamazione all’apposito ente di competenza.

 

Quali somme posso rottamare?
Possono essere oggetto di rottamazione tutti i ruoli affidati all’Agente di riscossione relativi a:

  • imposte (compresa l’Iva),
  • tributi,
  • contributi previdenziali e assistenziali (affidati anche da Inail o Inps),
  • sanzioni derivanti da violazioni del Codice della strada (interessi sulle contravvenzioni),
  • ruoli emessi da Regioni, Province, Città metropolitane e Comuni (per esempio Ici o tassa sui rifiuti).
  • L’ulteriore requisito necessario è quello temporale: i ruoli devono risalire al periodo che va dal 2000 al 2016.

Sono invece esclusi dalla possibilità di definizione agevolata i ruoli relativi all’Iva riscossa all’importazione, al recupero di aiuti di Stato, ai crediti da danno erariale per sentenze di condanna della Corte dei Conti, alle ammende e alle sanzioni pecuniarie dovute per provvedimenti e sentenze penali di condanna.

Rinunciare alla definizione agevolata è possibile. Pur avendo già presentato la domanda di adesione, infatti, il contribuente può produrre un’apposita dichiarazione inderogabilmente entro il 31 marzo 2017.

È possibile presentare più dichiarazioni di adesione anche per singole cartelle, oltre che, nell’ambito delle stesse, per singoli ruoli.

È possibile definire in via agevolata anche i carichi affidati dall’Inps all’Agenzia delle Entrate. In questo caso, però, la decisione in ordine al rilascio o meno del Durc resta di esclusiva competenza degli uffici dell’Inps.ere

Nel caso di erede: l’erede non acquisisce le sanzioni irrogate relativamente alle cartelle esattoriali ereditate. Tuttavia, restano operativi gli interessi di mora: a tal proposito, l’erede può ricorrere alla rottamazione per evitare il pagamento di questi ultimi.

Fonte normativa: Decreto fiscale collegato alla legge di bilancio (legge n. 225/2016, pubblicata il 2 dicembre in G.U) (Fonti “Leggi Oggi”)

 

Per ricevere una consulenza gratuita sullo stato delle tue cartelle compila il form sottostante ed i nostri professionisti ti contatteranno entro pochi giorni.

MODULO ROTTAMAZIONE:

Inviaci una richiesta di informazioni